Norma api 1104 español pdf

Bundesarchiv Bild 101I-662-6659-37, Flugzeug Messerschmitt Me 109. La sua struttura era progettata in modo da adattarsi facilmente a continui aggiornamenti e miglioramenti e l’apparecchio era ancora competitivo nel 1945, a oltre norma api 1104 español pdf anni dalla sua progettazione in un’epoca di continui progressi aeronautici.

Anche se il prefisso Me è stato effettivamente utilizzato nella documentazione Luftwaffe per identificare il 109, questo è da ritenersi non ufficiale. La costruzione dei prototipi, tre per ogni azienda concorrente, doveva concludersi entro la fine del 1934. Bayerische Flugzeugwerke, e dal suo collaboratore ing. Al progetto venne assegnata la sigla di fabbrica P. 6 novembre del 1935 ed il 5 marzo 1936.

Gli apparecchi sono Bf 109 B, con le insegne nazionali in uso fino al 1939. Fw 159 e Ar 80 erano già stati scartati. Fino a quel momento, l’He 112 si era rivelato un duro avversario per il prototipo di Messerschmitt, ma con l’arrivo del Bf 109 V2 equipaggiato con il motore Jumo 210, tutto cambiò: il Bf 109 superò il prototipo Heinkel in quasi ogni aspetto, e in particolare in una dimostrazione di agilità e maneggevolezza i piloti collaudatori della Luftwaffe che inizialmente erano diffidenti verso il Bf 109, furono conquistati dalla facilità di comando del velivolo. A quel punto il RLM dichiarò vincitore il Bf 109 che, benché più costoso del He 112, era apparso nettamente migliore quanto a prestazioni. Il prototipo V3 volò sempre nel giugno 1936 con questa configurazione e fissò il modello per il primo lotto di preproduzione consegnato verso la fine dell’anno.

Il 109 era un aereo da sogno, il non plus ultra. Agli aerei “spagnoli” venne data la sigla tattica da 6-1 a 6-16: mantenevano intatte tutte le caratteristiche del progetto originale, motore Jumo 210 C da 600 CV, due mitragliatrici MG 17, ed elica bipala in legno a passo fisso, anche se vennero effettuate molte modifiche minori quali le prese d’aria delle mitragliatrici e il posizionamento del radiatore dell’olio. Luftwaffe nella primavera del 1937. Partecipando ai vari eventi, i Messerschmitt ottennero clamorosi successi, vincendo il Circuito internazionale delle Alpi, una gara a squadre, oltre a gare di velocità e competizioni di picchiata e cabrata. Si tenga presente che una misura delle possibilità di sviluppo del progetto originale si può trovare nel fatto che il Bf 109K-4, l’ultima versione dell’aereo, pur avendo sostanzialmente la stessa cellula del prototipo, adeguatamente rinforzata, montava un motore da 2 000 CV.

Bf 109B non era sufficientemente armato per opporsi validamente agli aerei nemici. C-2 montava in aggiunta anche una MG 17 sparante attraverso il mozzo dell’elica. Se queste due versioni ebbero successo in Spagna, non si può dire altrettanto per la sotto-variante C-4: le sue quattro MG 17 e il cannoncino da 20 mm nel mozzo dell’elica, peraltro sempre afflitto da problemi di surriscaldamento, resero l’aereo troppo pesante e, di conseguenza, troppo lento. Si noti anche come lo spazio del vano motore sia sfruttato all’estremo, cosa che non rendeva certo agevole il lavoro dei meccanici o degli armieri. Usciti dalle fabbriche all’inizio del 1938, i Bf 109D-1 erano armati con due MG 17 installate nelle ali e il solito cannone da 20 mm nel mozzo dell’elica.

Vennero fabbricati in circa trecentocinquanta unità. Messerschmitt Bf 109 E, in un aeroporto francese nel 1940. La versione Bf 109 E-1 fu la prima a essere prodotta in massa in nove fabbriche differenti, con un totale di 1 540 esemplari costruiti entro la fine del 1939. I primi esemplari di pre-produzione furono pronti nel dicembre 1938 e vennero consegnati ai reparti operativi nel febbraio del 1939 per ricevere i riscontri dei piloti. B, capace di trasportare quattro bombe da 50 kg o una da 250 kg. La produzione del Bf 109E-1 continuò per tutto il 1940, in parallelo alle successive varianti E-3 ed E-4. Il successivo tipo di Bf 109 a entrare in servizio nella Luftwaffe fu il Bf 109E-3.

Aveva due MG 17 sul muso, due nelle ali e un cannoncino MG FF da 20 mm nel mozzo dell’elica, spesso rimosso sul campo direttamente dai meccanici delle unità operative. L’E-4 era armato con due MG 17 sul muso e due MG FF nelle ali, aveva una maggiore blindatura per il pilota e adottava vari piccoli accorgimenti che migliorarono leggermente la visuale del pilota. 2 o 4 bombe SZ50 da 50Kg. Bf 109E-8 adottava tutte le modifiche precedentemente introdotte e montava un motore DB 601E da 1 200 CV, lo stesso usato nei Bf 109E-9. Me 109 erano a rientro automatico, una novità per quei tempi in un aereo militare e determinanti per le ottime caratteristiche di volo dell’apparecchio. Questi tempi non tengono conto delle parti come il motore, costruite fuori della ditta.